sabato 11 aprile 2015

Miscellanea

Il post di oggi: neve, Browne — no, non brownie — e confessione.
 
The perks of being... in Cumbria: Troutbeck, Townend e... la prova bikini mi fa un baffo
E io dovrei preoccuparmi della prova costume...?


Era il 26 marzo, dovevo recarmi a Troutbeck per lavoro e sono stata accolta da una bella nevicata.

Mi fa, tra l'altro, piacere mostrarvi una foto del villaggio (che, qui sopra, si vede sullo sfondo) perché è stato pubblicato in Italia un romanzo la cui protagonista vive proprio a Troutbeck. Si tratta di Da quando sei scomparsa di Paula Daly e ho scoperto che è disponibile in italiano grazie a un post pubblicato sul blog Le Nove Muse.


Povere pecorelle, avranno pure loro una gran voglia di temperature miti, anche perché il parto degli agnelli non è, poi, così lontano.

Lo so, lo so. è passata la Pasqua, siamo nel pieno di aprile, ma non crediate che qui sia arrivata la primavera. Se è vero che abbiamo goduto di un paio di giorni in cui le massime hanno sfiorato i 18 °C, siamo di nuovo precipitati sui 9 °C.

Townend

Ne approfitto per inserire un'immagine di Townend che — credo — possa essere considerata l'abitazione più nota di Troutbeck. Si tratta di un'antica casa, abitata per circa quattro secoli dalla stessa famiglia di allevatori: i Browne, con la e finale, e su cui la famiglia ha sempre insistito.

I Browne furono parte integrante della storia di quello che oggi chiamiamo Lake District, insieme ad altre famiglie quali i Braithwaite, per esempio, di cui avevo accennato in un post dedicato a Bridge House. L'interno di Townend è un tripudio di mobili, soprammobili e libri di diverse epoche, amati e usati per secoli sino al 1943, quando morì l'ultima persona che qui risiedeva, Clara Jane Browne.

Se mai dovesse capitarvi di recarvi nel Distretto dei Laghi, Troutbeck e Townend sono certamente una tappa da tener presente. E, se siete giunti a piedi da Windermere e desiderate rifocillarvi, c'è la famosissima Troutbeck Tearoom. Vi raccomando di controllare gli orari di apertura, però, tutti particolari.


I am not a palette junky, I am a palette lover. Seriously

LORAC Alter Ego Eye Shadow Palette in Dream Girl

Non mi resta che ridere.

Di recente, sul blog Era una notte buia e tempestosa..., nei commenti a un post intitolato Help!, scrivevo di essere ascendente Ariete, ma di sentirmi molto più ascendente Toro — mancato per un soffio — perchè sono una persona che tende a riflettere molto sugli acquisti che fa. Di norma, vi assicuro che è così.

I miei best buys sono libri, borse, sciarpe e assimilati, anelli e... make-up palette. La categoria delle palette trucco è quella in cui gli acquisti sono più sporadici perché sono estremamente pignola a riguardo: poche, ma buone o — ancora meglio — poche, ma come dico io. Il primo sguardo va ai colori: le palette con i colori neutri, nude e le tonalità del marrone non fanno per me (lo avevo scritto anche nel post sulla mia guida alternativa ai regali di Natale.) La seconda cosa su cui mi concentro sono gli ingredienti: tutto ciò che contiene paraffina e dimeticone viene immediatamente accantonato. Com'è come non è, infine, tendo sempre a venire attratta dalle edizioni limitate. E qui casca l'asino, casco io.

Qualche giorno fa è stata resa disponibile sul mercato la nuova collezione estiva di LORAC, che comprende anche l'oggetto qui sopra: la Alter Ego Eye Shadow palette in Dream Girl. In barba a quello che ho scritto nei commenti al post Help! (vedi sopra,) in questo caso la mia ascendenza in Ariete è emersa, prepotente, e, in un battito di ciglia, l'ho bella che ordinata. Non mi è ancora arrivata, ma già non vedo l'ora di affondare il pennello in quei meravigliosi colori e spiattelarmeli sulle palpebre, ricreando sul mio volto un'estate di cui ancora non posso godere in Cumbria (e non è detto che arrivi.)

See you soon cyberspace cowboy... 

URL:
Elisa del blog Le Nove Muse ha dedicato un post a Da quando sei scomparsa di Paula Daly, ambientato nel Lake District: http://lenovefigliedizeus.blogspot.co.uk/2014/08/da-quando-sei-scomparsa-di-paula-daly.html 
Pagina dedicata a Townend sul sito del National Trust: http://www.nationaltrust.org.uk/townend/ 
Entry che dedicati ad Ambleside e Bridgehouse in cui nomino la famiglia Braithwaite: http://ludo-ii.blogspot.co.uk/2014/05/the-perks-of-being-in-cumbria-bridge_30.html 
Sito della Troutbeck Tearoom: http://www.troutbecktearoom.co.uk/ 
Help! sul blog Era una notte buia e tempestosa...: http://era-una-notte.blogspot.co.uk/2015/04/help.html
La mia guida alternativa ai regali di Natale: http://ludo-ii.blogspot.co.uk/2014/12/its-beginning-to-look-lot-like_12.html 
Pagina dedicata all'Alter Ego palette in Dream Girl sul sito della LORAC: http://www.loraccosmetics.com/make-up_alter-ego-dream-girl-eye-shadow-palette.html 

martedì 31 marzo 2015

Uscendo dal tunnel e quello che ho trovato una volta fuori

Lunga assenza la mia dovuta all'inizio della Stagione... No, non sono una damigella uscita dal periodo della Reggenza e non mi trovo a Londra, ma lavorando nel campo dei beni culturali e in un'area visitata da 15-20 milioni di turisti all'anno anche io posso parlare di Season, nel mio piccolo.

Ma sono qui per scrivere di alcune delle mie letture.

Katherine Neville, The eight
Una volta incominciato questo romanzo, sono entrata come in un tunnel dal quale non è stato facile uscire. Avevo già accennato a questa mia lettura qui e rimando a quel post per informazioni sulla trama e prime impressioni.

Terminata l'opera posso ammettere che la storia non mi ha coinvolta e che alcuni elementi concernenti la ricerca storica e la credibilità dei personaggi suonano per me vagamente stonati.

Penso alla protagonista, Katherine, che, a 23 anni e con un bachelor in musica, è un'esperta di computer e soprattutto un'analista di dati dalle capacità così inverosimili da riuscire — e siamo all'inizio degli anni Settanta — a costruire in pochi mesi — da sola! — un modello informatico capace di prevedere l'andamento dell'economia dei paesi che comprano petrolio dall'OPEC (allora ancora un qualcosa di poco definito) se, all'improvviso, l'OPEC stesso interrompesse la distribuzione del greggio... Senza parole.

Quando uscì, questo romanzo ebbe un grandissimo successo e c'è chi lo apprezza ancora adesso e sostiene che sia l'antesignano delle opere di Dan Brown e derivati. A me sembra che sia invecchiato male; per quanto riguarda, poi, i paragoni con Dan Brown, non mi posso esprimere perché non ho mai letto alcunché di suo.

I. M. Another, Charming devil
Emily aveva bisogno di soldi, e in fretta. Per questo, in un attimo di disperazione, ha deciso di vendersi a uno sconosciuto per qualche ora. La ferita nel suo orgoglio inizia a bruciare, e la coscienza non accenna a darle pace. Alla ricerca di un rifugio, varca la soglia del Charming Devil, un locale fuori dal comune, gestito da un eccentrico e sadico proprietario.
A prima vista, si direbbe solo un bar un po’ troppo lussuoso, ma in realtà, il Charming Devil è un Host Club: un luogo in cui degli uomini bellissimi vendono la propria compagnia a prezzi esorbitanti.
Castiel è un host, e lo fa ogni giorno, con orgoglio e presunzione. Per lui, è semplicemente normale offrirsi a chiunque possa permettersi di comprarlo. Emily, insicura e sola, diventa presto il suo passatempo preferito, e finisce trascinata in una relazione fatta di sesso, ossessione e dipendenza.
Di fronte a una realtà tanto distorta, nuovi dubbi si insinuano nella sua mente. È davvero così sbagliato vendersi in cambio di denaro?


(Sinossi riportata sulla pagina Amazon.co.uk dedicata; vedi sotto, URL)

Mi sono buttata su questo libro dopo aver sbirciato la copertina sul blog di Nina Pennacchi e sentendo un gran bisogno di lasciarmi definitivamente alle spalle The eight con una lettura completamente diversa.

Ho un solo termine per descrivere questo romanzo della misteriosa autrice I. M. Another: mangoso. E qui non si tratta di suggestioni alimentate dall'immagine di copertina, bensì di impressioni suscitate durante la lettura. La sensazione è stata quella di leggere un fumetto, raccontato in prosa, privo di elemento grafico, un josei in cui l'erotismo ha un suo peso, ma è solo accennato, realizzandosi concretamente fuori dalla pagina, lasciandolo all'immaginazione del lettore.

Anche i personaggi sono molto mangosi, soprattutto Emily, che nella mia testa è sempre stata un disegno, una protagonista forte e fragile allo stesso tempo, ma mai debole.

Alcune delle situazioni raccontate mi hanno fatto proprio immaginare un fumetto, come se certe scene le avessi già viste raffigurate in qualche manga (e non escludo che sia successo:) un bacio in cui lui tiene nella mano i boccoli di lei, un epiosdio in cui lei si irrigidisce improvvisamente e non per il motivo che si potrebbe immaginare...

Il finale lascia spazio a un seguito, non ancora pubblicato, ma non è poi così 'insoddisfacente': tutto sommato, la sensazione è stata di appagamento, non sento necessariamente il bisogno di mettere le mani sul prossimo capitolo.

Decisamente originale nel panorama dei libri che ho letto ultimamente. Lo consiglierei ai lettori a cui piacciono i manga e sarei, poi, curiosa di sapere quali sono state le loro impressioni.

Anouska Knight, Since you've been gone
In un tragico momento la vita di Holly Jefferson cambia per sempre. Ora — per il mondo esterno, per lo  meno — si sta finalmente rimettendo in piedi, gestendo la propria pasticceria, Cake. E, poi, incontra Ciaran Argyll. La vita di lui, ricca e affascinante, sembra essere a milioni di chilometri da quella di lei. Però c'è di più in Ciaran del mondo superficiale che lo circonda e anche lui sta combattendo con i propri fantasmi. Riuscirà Holly a trovare l'ingrediente mancante che le permetterà di tornare a vivere e abbracciare un domani sconosciuto.

(Sinossi liberamente tradotta dal retro della mia edizione.) 

Come specificai in un vecchio post, approdai a questo romanzo grazie a Endimione Birches del blog Bostonian Library che lo aveva letto in italiano (Da quando non ci sei, Harlequin Mondadori, 2015.)

Romanzo sentimentale di una scorrevolezza più unica che rara. Probabilmente il ritmo di lettura è sembrato così spedito perché ancora mi portavo dietro le reminiscenze di The eight.

Su di me ha avuto un effetto terapeutico, nel senso che mi ha fatta uscire definitivamente da un periodo difficile, a livello di letture. Non mi ha, tuttavia, entusiasmata, soprattutto a causa di una protagonista con la quale non sono riuscita a simpatizzare e che trovavo, a tratti, intollerabile.

Holly è stata vittima di una tragedia e, a seguito della terribile esperienza vissuta, ha incominciato ad alzare delle barricate intorno a sé per cercare di superare il trauma a modo suo; tale meccanismo difensivo, alla lunga, l'ha portata a essere una donna sostanzialmente sola. Reinserirsi direttamente in un sistema di relazioni con gli altri — per non parlare di una possibile relazione sentimentale — è molto difficile per lei, che alterna gli atteggiamenti di timida apertura a quelli di fuga e chiusura... Eh, a volte l'avrei presa a schiaffoni, tanto mi faceva perdere la pazienza! Questa è la cruda verità.

Il lui della situazione, Ciaran, ha grosse potenzialità, ma è stato poco sviluppato, come personaggio, dall'autrice.

Consigliato a donna che cerca romanzo da bere, scorrevole e piacevole, ma che non disdegna qualche spunto per riflessioni profonde.

Potete trovare Anouska Knight su Facebook e su Twitter.

Cosa starò leggendo?
A domanda risposta: Tea with Mr Rochester di Frances Towers. Lo comprai a Londra, da Persephone Books, il negozietto a Bloomsbury dell'omonima casa editrice (guardate qui.)
 
Bibliografia e URL:
Katherine Neville, The eight, New York, Ballantine Books, 2008
Sito dell'autrice Katherine Neville: http://www.katherineneville.com/ 
Avevo già scritto di The eight qui: http://ludo-ii.blogspot.co.uk/2015/02/cosa-ho-letto-cosa-sto-leggendo-e-i.html 
I. M. Another, Charming devil, [s.l.], [s.n.], 2014 [Formato Kindle] Disponibile presso Amazon.co.uk http://www.amazon.co.uk/gp/product/B00NMQFHHA?psc=1&redirect=true&ref_=oh_aui_d_detailpage_o02_ [Ultimo accesso 31 marzo 2015]
Sito di I. M. Another dedicato a Charming devil: http://charmingdevilromance.blogspot.co.uk/
Blog di Nina Pennacchi: http://ninapennacchi.blogspot.co.uk/
Anouska Knight, Since you've been gone, Richmond, Mills & Boon, 2013
Post in cui ho accennato a Since you've been gone: http://ludo-ii.blogspot.co.uk/2015/03/vaga-mente-retailer-online-delizia-e.html
Post dedicato a Da quando non ci sei sul blog Bostonian Library: http://bostonianlibrary.blogspot.it/2015/02/recensione-da-quando-non-ci-sei-di.html 
Pagina Facebook di Anouska Knight: https://www.facebook.com/AnouskaKnightAuthor 
Pagina Twitter di Anouska Knight: https://twitter.com/anouskaknight
Lo scorso 30 giugno mi recai da Persephone Books, a Londra, dove comprai Tea with Mr Rochester: http://ludo-ii.blogspot.co.uk/2014/07/condividendo-londra-30-giugno-2014.html  

sabato 14 marzo 2015

Princess Rap Battle: Cinderella VS Belle

Facciamoci due risate con Sarah Michelle Gellar e Whitney Avalon che si sfidano a colpi di rap...

 

URL:
Link al video su YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=VeZXQf77hhk 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...