domenica 6 aprile 2014

The perks of being... in Cumbria: Keswick

Lunga pausa per me... sarà la primavera che si sta facendo sentire? In realtà qui, a volte, sembra essere arrivato l'autunno più che la bella stagione. Basta guardare la foto qui sotto:

Derwent Water

Quella che — forse — si intravede sulle montagne là, in fondo, è davvero neve. Con questa immagine del lago Derwent Water vi mostro finalmente un po' d'acqua: mi sono accorta di non aver mai pubblicato l'immagine di un qualche lago, pur bazzicando nel Lake District da diversi mesi ormai.

Se non fosse per questo cespuglio in fiore non
sembrerebbe nemmeno primavera...
Derwent Water fa parte del gruppo dei laghi del Nord (the North Lakes), all'interno del parco nazionale. Relativamente esteso (nel Regno Unito non ci sono laghi poi tanto grandi,) da un punto di vista del trasporto pubblico, il modo più facile per raggiungerlo è da Keswick, che si affaccia sull'estremità Nord di Derwent Water ed è un centro molto frequentato.

Keswick è il tipico luogo turistico, ma caratteristico allo stesso tempo, come ce ne sono altri nel Distretto dei Laghi: Windermere, Ambleside e Grasmere, per esempio.

A Keswick si trovano un numero spropositato di negozi di abbigliamento sportivo, cosa piuttosto naturale, visto che la gran parte delle persone che vengono nel Lake District si dedica alle escursioni (io non più di tanto, ma qualche passeggiata l'ho fatta.) Ma scriviamo di attività commerciali di altro genere...

Ye Olde Friars

Dal 1927 è sede della Ye Olde Friars, una cioccolateria in cui non si può evitare di andare, non fosse altro per la splendida e fantasiosa esposizione di dolciumi.

Qui a fianco un esempio di albero pasquale di tradizione germanica. I rami raccolti nel bosco, si pongono in un vaso e, quindi, si provvede alla decorazione degli stessi con uova dipinte a mano e altri elementi. Allo Ye Olde Friars, nel periodo pre-pasquale, vengono esposti diversi Easter Trees e molte delle decorazioni sono anche in vendita, giusto per invogliare i clienti che, magari, sono riusciti a trattenersi e a non acquistare il cioccolato.

Io sono stata davvero disciplinata e mi sono limitata a comprare un pensierino per me, della liquirizia in una graziosa scatoletta di latta, e un bel regalo per qualcun altro, la Duff Beer dei Simpson, provvista anche di ciambella/donut.

Quanto mi piacciono. Soprattutto la birra. L'idea sarebbe di riuscire di portarla fino in Italia e sto studiando il modo di metterla in valigia per la prossima, fugace apparizione che farò nel Bel Paese.

In qualsiasi paesino dell'Inghilterra, potete sempre trovare un po' di tradizione in una sala da tè. Quando piove, c'è ancora più gusto a rifugiarsi in una tea room. Io, naturalmente, non si sono tirata indietro e ho accolto la possibilità di una pausa dalla pioggia per una sosta da Bryson's con molto piacere.


Bryson's è un negozio diviso tra panificio artigianale, al piano terra, e sala da tè, al primo piano. Se volete un assaggio di tutte le delizie che si possono consumare da Bryson's, date un'occhiata al menu, qui.

Bryson's tea room (immagine presa dal sito. Il locale
era pieno quando ci sono stata e non me la sentivo di
scattare una fotografia)
Io mi sono buttata su una poco originale cioccolata, senza nemmeno la panna e i marshmallow... Sì, i marshmallow, quei dolciumi gommosi che ti si sciolgno in bocca. Nelle isole britanniche, così come in America, è d'uso metterli nella cioccolata fumante e lasciare che si fondano in essa o che all'interno divengano quasi liquidi prima di mangiarli.

Devo dire che guardavo con invidia turisti e gente del luogo che si faceva portare fette di torta e una marea di altre leccornie...

Come ho scritto sopra, a Keswick si trovano molti negozi di articoli sportivi. Tra questi, mi sento di citare George Fisher, che ha sede in quello che una volta era lo studio fotografico dei celebri (da queste parti, per lo meo) fratelli Abrahams.


George e Ashely Abraham erano scalatori e fotografi vissuti tra la fine del XIX e la metà inoltrata del XX secolo. Nel loro studio e negozio erano in vendita le fotografie che scattavano durante le proprie escursioni, quelle di altri scalatori con cui venirono in contatto e, successivamente, i libri e guide alla montagna.

Ashley e George Abraham
Se il loro archivio fotografico documenta i primordi dell'attività degli scalatori nel Distretto dei Laghi, i loro scritti introdussero il concetto di professionalismo nell'alpinismo, che prima era considerato uno sport, e resero popolare un'attività che fino alla fine dell'Ottocento era stata considerata privata e mistica.

All'interno di George Fisher è possibile ammirare alcune (poche purtroppo) stampe tratte dalle loro fotografie, conservate in parte all'Armitt Museum and Library di Ambleside, in parte al Fell & Rock Climbing Club of the English Lake District e, in parte, chissà dove altro...



Qui sopra una splendida fotografia, scattata da uno degli Abrahams, di Napes Needle, probabilmente la roccia meglio conosciuta in Inghilterra a causa della sua caratteristica forma. Fa parte del complesso di Great Gable, sempre nel Distretto dei laghi, un'arrampicata di nemmeno 17 metri, ma considerata particolarmente difficile.

Bibliografia e URL:
Sito della cioccolateria Ye Olde Firars: http://www.friarsofkeswick.co.uk/
Sito del panificio e sala da tè Bryson's: http://www.brysonsofkeswick.co.uk/ 
Menu della sala da tè Bryson's in Keswick: http://www.brysonsofkeswick.co.uk/sites/default/files/brysons_menu_keswick.pdf 
Sito del negozio di articoli sportivi George Fisher: http://www.georgefisher.co.uk/ 
Sui fratelli Abraham, è stato pubblicato tempo fa un bellissimo libro, ricco di illustrazioni: Alan Hankinson, Camera on the crags. A porfolio of early rock climbing photographs by the Abraham Brothers, London, Heinemann, 1975.
The Abraham Brothers sul sito dell'Armitt Museum and Library: http://armitt.com/armitt_website/abraham-brothers-armitt-museum-cumbria/ 
L'archivio fotografico del Fell & Rock Climbing Club conserva alcune delle fotografie dei fratelli Abrahams: http://www.frcc.co.uk/archive.asp?archive_id=355   

4 commenti:

Elisa ha detto...

che voglia di volare lì! nonostante sembri autunno... :-)

Ludo ha detto...

Il Distretto dei laghi è sicuramente uno di queli luoghi poco battuti dai turisti italiani.

In un certo senso, è comprensibile: penso che, viste le nostre bellezze nauturale, sia naturale puntare su qualcosa di più 'originale' e 'particolare' quando si viene in Inghilterra. Ma se il tempo c'è, fare un salto qui vale la pena.

Endimione Birches ha detto...

Fantastico Ludo!! Bellissimo articolo che mi ha condotto a un pò di malinconia. Mi piacerebbe tornarci, in quesi posti, ogni tanto mi mancano tanto ....

Ludo ha detto...

@Endimione Ma dai... sei stata nel Distretto dei laghi?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...